Rinnovato il Comitato Scientifico della Fondazione italiana continenza

RINNOVATO IL COMITATO SCIENTIFICO

della Fondazione italiana continenza

Presentato il nuovo assetto e i nuovi obiettivi

Milano, 10 giugno 2011 – La Fondazione italiana continenza, ente senza fini di lucro, impegnata nella ricerca, informazione e prevenzione dell’incontinenza urinaria, annuncia oggi il rinnovo del proprio Comitato Scientifico presieduto dal Professor Mario De Gennaro - Urologo Pediatra, Direttore Urodinamica Ospedale Bambino Gesù di Roma e Direttore Formazione (educational, committee) dell'International Children Continence Society, affiancato da 12 medici specializzati nei diversi ambiti dell’Incontinenza Urinaria ed esponenti di altrettante società scientifiche, e da 2 rappresentanti delle categorie “non mediche”.

“Sono felice delle integrazioni che abbiamo apportato al Comitato Scientifico della Fondazione”, commenta Mario De Gennaro, Presidente. “La Fondazione è nata dalla volontà di alcuni fra i massimi esperti in Italia in materia di incontinenza, che già da tempo avevano identificato il bisogno di lavorare per l’affermazione della rilevanza socio-sanitaria di una patologia sempre più diffusa e che da sempre dedicano a questo settore la propria attività clinica e scientifica. Da più di dieci anni lavoriamo per aumentare la sensibilità di istituzioni e media e mai come quest’anno vogliamo incrementare la conoscenza del problema e intensificare le nostre attività di ricerca e di divulgazione con l’obiettivo di contribuire alla rimozione di uno degli ultimi tabù.”

“Sono sicuro che la Fondazione diventerà sempre più un punto di riferimento per chi si occupa di incontinenza e per chi si trova ad affrontare il problema. Sono anche certo che proprio grazie alla Fondazione il tabù dell’Incontinenza sarà presto abbattuto, così come è stato fatto in passato con patologie di rilievo come l’impotenza e il cancro.” Sottolinea Roberto Carone, Presidente della Fondazione.

Gli obiettivi del rinnovato comitato scientifico della Fondazione sono molto ambiziosi e tutti rivolti alla tutela delle persone che soffrono di incontinenza:

Transitional Care: accade sempre più spesso che i ragazzi di 14-18 anni e oltre ricevano con difficoltà cure efficaci in quanto non sono più di competenze pediatrica ma non hanno ancora raggiunto l’età adulta. Succede in campo oncologico ma anche urologico, dove un ragazzo, spesso affetto anche da altre patologie (per esempio spina bifida) bambini che non sono ancora diventati adulti non trovino lo spazio adatto per le proprie cure. Nei paesi di stampo anglosassone ci sono strutture in cui specialisti diversi collaborano, obiettivo della Fondazione è quello di sollevare il problema, ma soprattutto di proporre delle soluzioni.

Rimborsabilità dei farmaci anitmuscarinici: questi farmaci rappresentano in alcuni casi, dei veri e propri salvavita, l’Italia però rappresenta una delle poche Regioni Europee in cui il farmaco non è rimborsabile.

Incidenza e revisione dei DRG: altro obiettivo del comitato scientifico è quello di aiutare le istituzioni a fare chiarezza sull’universo dei Diagnosis Related Groups (DRG) che ormai costituiscono un normale e indispensabile strumento di gestione e verifica dell’attività ospedaliera. Ma la sempre più forte spinta verso l’aziendalizzazione e la regionalizzazione del SSN sta forse facendo perdere di vista il significato dell’esperienza dei DRG, che, per esempio in campo urologico, non sempre sono univoci e portano al benessere del paziente.

Il Comitato Scientifico della Fondazione italiana continenza si è così rinnovato:

·   Mario De Gennaro, Presidente, Primario Urologo Pediatra, Responsabile U.O. Complessa Urodinamica Pedriatrica Ospedale Bambino Gesù - Roma; Direttore Formazione (educational, committee) dell'ICCS, International Children Continence Society

·          Antonella Biroli, Fisiatra, Ospedale S. Giovanni Bosco – Torino; Tesoriere SIUD, Società Italiana di Urodinamica

·         Sauro Biscotto, Urologo, Unità spinale Ospedale di Perugia; Vice Presidente SOMIPAR, Società Medica Italiana Paraplegia

·   Aldo Vittorio Bono, Coordinatore Scientifico di Europa Uomo - Primario Urologo Emerito dell’Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese; Già Presidente SIU, Società Italiana di Urologia

·        Paola de Nardi, Medico Chirurgo - Specialista in Chirurgia Generale Istituto Scientifico Ospedale S. Raffaele, Divisione di Chirurgia Generale e Gastroeterologica - Milano; Consigliere SICCR, Società Italiana di Chirurgia Colo-Rettale

·     Alessandro Giammò, Urologo, Chirurgia mini-invasiva delle disfunzioni vescico-sfinteriche e  genito-sessuali dell'uomo, referente malattie rare S.C Neuro-Urologia, ASO CTO - Maria Adelaide Torino; Membro del Consiglio Direttivo SIPUF, Società Italiana di Pelvi-Perineologia e Urologia Femminile e funzionale 

·      Gianantonio Manzoni, Primario Urologo Pediatra, Responsabile UOSD Urologia Pediatrica; già componente Board Società europea Urologia pediatrica, Membro SIUP, Società Italiana di Urologia Pediatrica e SIU, Società Italiana di Urologia

·     Gianfranco Minini, Direttore U.O.C. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Gardone V.T., A.O. Spedali civili di Brescia; Consigliere GLUP, Gruppo di Lavoro Uroginecologia e Pavimento Pelvico e già Membro Direttivo SIUD, Società italiana di uro dinamica

·        Diego Riva, Direttore U.O. Ostetricia e Ginecologia – Azienda Ospedaliera S.Anna – Como, San Fermo, Presidio di Cantù; Già President AIUG, Associazione Italiana di Urologia Ginecologica e del Pavimento Pelvico

·     Stefano Salvatore, Dirigente Medico - Responsabile Uroginecologia Varese, Clinica Ostetrica  e Ginecologica, Università dell’Insubrio di Varese; Presidente WHF, Women Help Foundation,  ICS già Segretario scientifico SIUD

·         Claudio Simeone, Urologo, Ospedale Civile di Brescia; Membro SIU, Società Italiana di Urologia già Membro Direttivo SIUD

·    Salvatore Siracusano, Urologo, Ospedale di Cattinara - Trieste; già Membro Direttivo SIUD, Società Italiana di Urodinamica

·        Marco Soligo, ginecologo Dirigente Medico II livello Ginecologia-Ostetricia Ospedale San Carlo  Borromeo, Milano; Segretario SIUD, Società Italiana di Urodinamica.

 

Rappresentanti delle categorie non mediche:

·          Elena Bertolucci, Fisioterapista, Unità Spinale Ospedale CTO, Ospedale Maria Adelaide - Torino

·  Giuseppina Gibertini, coordinatore infermieristico, Ospedale CTO – Torino; Presidente RIDA, Riabilitatori italiani Disfunzioni Autonome