Area Informativa
Parlare di incontinenza è il primo passo per affrotare il problema. Contrariamente all’opinione comune, oggi la maggior parte delle persone incontinenti, dopo un’attenta valutazione, può beneficiare di un trattamento adeguato.

L’area informativa è pensata per rispondere alle domande sulle diverse tipologie di incontinenza, le esperienze di altre persone, e fornire qualche strumento di autovalutazione.
Misura la tua continenza

 

disturbi urinari sono molto più frequenti di quanto si pensi e, altrettanto diversamente dall’opinione diffusa, nella maggior parte dei casi, sono risolvibili o comunque curabili o gestibili in modo efficace e compatibile con uno stile di vita accettabile.

Il primo passo, nel caso di episodi di incontinenza urinaria, consiste nel conoscere l’entità del disturbo. Alcuni test di semplice attuazione, che possono essere svolti direttamente a casa, permettono una valutazione attendibile, utile per mettere in atto tempestivamente le soluzioni più adeguate. Senza rimandare a lungo il problema, si possono effettuare in qualsiasi momento i test e in seguito al risultato confrontarsi con il proprio medico di base. Il primo strumento di autovalutazione è il “Test del pannolino”.

L’esame prevede di pesare un pannolino prima di indossarlo, quindi di bere una determinata quantità di liquidi e effettuare una serie di attività fisiche per circa un’ora tra le quali camminare, sedersi, alzarsi, tossire energicamente, correre e chinarsi. Alla fine il pannolino dovrà essere pesato nuovamente in modo da valutare il volume di urina persa. 

Oltre a questo esame, gli altri due strumenti utili alla definizione dell’entità del disturbo sono il “Test di autovalutazione” (OAB Screener) e il “Diario minzionale”. Nel primo caso si tratta di rispondere ad una serie di domande riguardo alle ultime quattro settimane. Nel caso del diario, invece è richiesta una compilazione giornaliera precisa e costante delle minzioni.
 

Tutti questi strumenti possono essere effettuati prima della visita specialistica in modo da fornire delle valutazioni in più al medico.