Per i cittadini di Trieste e Gorizia il 21 e il 27 giugno si abbatte il tabù dell'incontinenza

A Trieste 21 giugno dalle ore 11.00 alle ore 17.00 all’ordine dei Farmacisti di Piazza Sant’Antonio, 4 e a Gorizia il 27 giugno dalle ore 11.00 alle ore 17.00 all’ordine dei Farmacisti di via III Armata, 137, il Prof. Salvatore Siracusano, Urologo dell’Ospedale di Trieste e componente del comitato scientifico della Fondazione italiana continenza, sarà disponibile a rispondere a tutti i dubbi sull’incontinenza delle persone interessate all’argomento.
L’incontinenza urinaria, definita come perdita involontaria di urina, interessa più di quattro milioni di cittadini in Italia: il 20-30% delle donne e il 2-11% dei maschi in età adulta. Tale percentuale sale nelle donne al 32-64% durante la gravidanza e al 55% nella popolazione anziana istituzionalizzata di entrambi i sessi. Eppure, nonostante la diffusione del problema, solo il 43% delle persone affette richiede un parere a un professionista confermando che questo problema è ancora un tabù che si accompagna a senso di colpa e vergogna portando all’isolamento dei soggetti affetti e all’istituzionalizzazione degli anziani.
Ecco perché obiettivo dell’iniziativa è proprio contribuire ad abbattere uno degli ultimi tabù dei nostri tempi e fornire indicazioni e informazioni adeguate a chi ne ha bisogno. Non bisogna dimenticare che i costi dell’Incontinenza sono importanti sia da un punto di vista psico-sociale, per il livello di sofferenza dell’individuo e dei famigliari, sia dal punto di vista socio-economico. L’Incontinenza Urinaria, definita dall’International Continence Society come “perdita involontaria di urina” rappresenta una condizione in grado di compromettere la qualità della vita di chi ne è affetto e, nei casi più complessi, fa parte di un quadro clinico che può mettere a repentaglio la vita stessa delle persone. Tale patologia ha risvolti medici, sociali e relazionali rilevanti. Essa investe la popolazione sia femminile che maschile, in età adulta, geriatrica e pediatrica e, con più alta incidenza, la popolazione affetta da patologie neurologiche.
Questa iniziative rientra nella settimana mondiale della continenza, la World Continence Week, promossa dall’International Continence Society e giunta alla terza edizione che si terrà a fine giugno. Obiettivo della settimana è quella di sensibilizzare globalmente sul tema dell’incontinenza e promuovere l’approccio multidisciplinare. La Fondazione italiana continenza parteciperà con momenti informativi a livello locale in Ospedali e Farmacie.